Sentiero Glaciologico alla scoperta del Ghiacciaio dei Forni

8 Settembre 2020Giada

Questa gita si svolge a Santa Caterina Valfurva, in provincia di Sondrio. Percorriamo il sentiero Glaciologico alla scoperta del Ghiacciaio dei Forni. Si tratta di un giro ad anello nella Valle dei Forni con partenza dal Rifugio Forni, situato in un’ottima posizione per numerosi trekking nel cuore del Parco dello Stelvio.

Scheda escursione

Partenza: Rifugio Forni
Arrivo: Rifugio Forni
Tempo di percorrenza: 4 ore complessive
Dislivello: 479 metri
Difficoltà: Escursionistico

Come arrivare al Rifugio Forni

Il punto di partenza di questa escursione è presso il Rifugio Forni, a Santa Caterina Valfurva. Per arrivare al parcheggio del rifugio bisogna necessariamente passare dalla strada comunale dei Forni. Occorre pagare il pedaggio acquistando il ticket presso la colonnina situata a 5 km dal Rifugio Forni, facilmente individuabile in quanto in quel punto la strada è sbarrata e un cartello informa di pagare il pedaggio.

Strada sbarrata per il rifugio forni

Il costo del biglietto è di 5 euro per tutto il giorno (8 euro per due giorni e 15 euro per l’intera settimana). La macchinetta accetta sia monete che bancomat. In alternativa il ticket si può acquistare direttamente presso il Rifugio Forni, che è posto proprio alla fine della strada comunale. Una volta parcheggiata l’auto ricordatevi di esporre il ticket sul cruscotto.

Parcheggio Rifugio Forni

È qui che iniziano vari sentieri escursionistici, tra cui il sentiero Glaciologico Alto numero 520. Il segnavia indica 2 ore e mezza per arrivare al Rifugio Branca passando dai Ponti Tibetani.

indicazioni sentiero glaciologico

Il sentiero Glaciologico Alto

Il sentiero presenta fin da subito tratti in pendenza e con una serie di tornanti si acquista quota rapidamente. In alcuni tratti le rocce formano una sorta di scalinata, per cui salire è faticoso ma non estremamente difficile.

Inizio del sentiero glaciologico

I segnavia bianchi e rossi dipinti sulle rocce ci indicano la direzione da seguire. Mano a mano che saliamo la vista diventa sempre più bella, in lontananza si scorge anche un laghetto.

Segnavia sentiero glaciologico

Segnavia Sentiero Glaciologico alto

Il percorso è molto suggestivo,  caratterizzato da numerosi corsi d’acqua che di tanto in tanto bisogna attraversare. Continuiamo a salire fino alle trincee e alle fortificazioni della Grande Guerra a 2520 metri di quota.

punto panoramico sentiero glaciologico reperti

trincee di guerra ghiacciaio dei forni

Da qui il sentiero inizia a scendere gradualmente per poi risalire. Camminiamo su enormi massi rocciosi e in lontananza iniziamo a scorgere il Ghiacciaio dei Forni.

Massi sentiero glaciologico

Attraversiamo il primo ponte tibetano e subito dopop imbocchiamo il sentiero sulla destra per avvicinarci al Ghiacciaio, è impressionante.

ponti tibetani sentiero glaciologico

Dopodiché ci rimettiamo sul sentiero principale e attraversiamo un secondo ponte tibetano, sotto al quale scorre il torrente Frodolfo la cui sorgente si trova nel ghiacciaio dei Forni. Il tratto successivo è su fondale roccioso e in salita. Arriviamo al Rifugio Branca di proprietà del Club Alpino Italiano, dominato dalle cime S.Matteo (3678 metri), Tresero, (3594 metri), Vioz (3645 metri), Palòn de la Mare (3708 metri) e Cevedale (3769 metri). Ci fermiamo proprio sotto il rifugio per pranzare al sacco in compagnia di alcune mucche. A completare il quadro la cascata sullo sfondo. Sembra un luogo incantato delle favole! Qui c’è anche un piccolo laghetto che ospita numerosi girini.

rifugio branca

Il Ghiacciaio dei Forni

Il ghiacciaio dei Forni era il più grande ghiacciaio vallivo italiano e l’unico di tipo himalayano, situato nel gruppo Ortles-Cevedale in Alta Valtellina all’interno del Parco nazionale dello Stelvio. Il ghiacciaio attualmente si estende per poco meno di 11 km². Negli ultimi 150 anni infatti la superficie glaciale si è ridotta notevolmente a causa del riscaldamento globale. Nonostante ciò rimane un gioiello della natura che merita di essere visto.

Ghiacciaio dei forni

Il sentiero Glaciologico Basso

Dopo pranzo imbocchiamo il sentiero Glaciologico Basso dalla durata di un’ora per completare il giro ad anello. Questo sentiero ha inizio proprio di fianco al sentiero Glaciologico Alto da cui siamo arrivati. Il primo tratto di strada è ampio e in discesa. Attraversiamo un ponte in legno e proseguiamo sul sentiero 524 come da indicazioni.

Ponte in legno sentiero glaciologico

indicazioni per sentiero glaciologico basso

Il sentiero sterrato si stringe e passa nel bosco.

sentiero glaciologico basso

Ci sono vari ruscelli da attraversare. In queste escursioni in Alta Valtellina ho attraversato così tanti corsi d’acqua che ormai sono diventata esperta a non bagnarmi i piedi! Dopo aver superato la diga, percorriamo un tratto di strada sempre nel bosco fino al parcheggio. La natura in questo punto è rigogliosa e varia, il sentiero è costeggiato da tanti fiori colorati.

diga sentiero glaciologico basso

Considerazioni

Questo percorso è panoramico dall’inizio alla fine, in particolare quando da lontano si inizia a scorgere il ghiacciaio è davvero emozionante. In questa escursione la bellezza della natura si incontra alla storia, grazie alla testimonianza di alcuni reperti di guerra. Molto suggestivo è il tratto in cui ci si deve arrampicare su enormi rocce. Il sentiero è adatto a tutti, anche ai bambini. È una gita che mi sento assolutamente di consigliarvi se capitate da queste parti!

Prev Post

mucca urbanidea

Fattorie Didattiche in Valdidentro

1 Settembre 2020

Next Post

vallata val federia

Gita in Val Federia - Livigno

23 Settembre 2020