5 cose da fare a Mauritius

Mauritius è un’isola vulcanica situata nell’Oceano Indiano nota per le sue spiagge paradisiache, il mare cristallino, la barriera corallina e un entroterra ricco di vegetazione.

Abbiamo visitato quest’isola incantevole a dicembre 2013 ed è qui che abbiamo lasciato un pezzo di cuore.
Infatti è proprio a Mauritius che io e il mio compagno ci siamo conosciuti.
Il nostro incontro è stato merito di mio zio, amico di vecchia data di Christian, che ci ha invitati entrambi su quest’isola per partecipare al suo matrimonio con la sua attuale moglie di origini mauriziane.

Abbiamo soggiornato in una deliziosa villetta a Trou d’eau Douce, un paesino della costa est di fronte alla famosissima “Isola dei Cervi” e in una posizione comoda per organizzare escursioni in catamarano e uscite in barca per gli amanti della pesca.
Qui infatti si pratica la pesca d’altura e abbiamo visto con i nostri occhi pescare dei Marlin dalle dimensioni impressionanti.

L’isola quest’anno celebra il cinquantenario della sua indipendenza ed è stata scelta da Lonely Planet come Best in Travel, ecco perché ho deciso di parlarvi delle 5 cose da fare assolutamente.

Ile Aux Cerfs – Isola dei Cervi

L’isola deve il suo nome ai cervi di Giava che furono introdotti dagli Olandesi verso la fine del 1500.
Oggi dei cervi non vi è più traccia, ma l’isola ha conservato questo nome molto affascinate.
Questo piccolo gioiello si trova sulla costa orientale ed è raggiungibile in barca superando una foresta di mangrovie.
L’isola è a dir poco meravigliosa ma come tutti i posti paradisiaci è presa d’assalto dai turisti.
Tuttavia vi consiglio di visitarla perché merita.
Oltre alle piscine naturali in cui fare il bagno, ci sono sentieri tutti da scoprire, alberi giganti dalle forme strane, numerose specie di uccelli e alcuni bar e ristoranti dove rifocillarsi.
Il mare è turchese e i fondali sono di sabbia bianca, quando si entra in acqua si ha quasi la sensazione di essere in piscina.

ILE AUX CERFS - ISOLA DEI CERVI

Tempio Ganga Talao Grand Bassin

Il Tempio Grand Bassin è un importante luogo di culto per gli induisti che ogni anno si recano qui per rendere omaggio alle divinità.
Il tempio si sviluppa attorno al Lago Sacro dove i pellegrini si purificano e lavano le proprie vesti.
La leggenda narra che Shiva, che portava il Gange sulla testa per salvare il mondo dalle alluvioni, stupito dalla bellezza di Mauritius, fece cadere alcune gocce, prima sulla sua testa e poi in un cratere vulcanico che diede origine a un lago.
Il Gange si intristì pensando di aver gettato la sua preziosa acqua in un luogo disabitato, ma Shiva lo rassicurò promettendogli che tutte le persone che vivevano lungo le sue rive un giorno si sarebbero trasferite sull’isola ed ogni anno avrebbero compiuto un pellegrinaggio in quel luogo per offrirgli in dono l’acqua del lago.
Impossibile non rimanere colpiti dai colori vivaci e dalla bellezza delle statue, tra cui quella di Ganesh e quella di Shiva, alta 35 m, che protegge il Lago Sacro.
Altre statue sono a ridosso del lago e davanti a ciascuna ci sono vari piatti per le offerte agli dei.
L’interno del tempio è abbastanza piccolo ma suggestivo. Mi raccomando, per accedervi è necessario togliersi le scarpe.
Noi ci siamo stati di domenica, nel bel mezzo di una cerimonia: gli induisti stavano rendendo omaggio agli dei abbandonando le offerte nelle acque del lago e tutt’intorno si sentiva un’inebriante profumo di incenso.
Per l’occasione i pellegrini sfoggiavano degli abiti tipici variopinti in perfetta sintonia con i colori circostanti.
È difficile riuscire a mettere per iscritto le sensazioni provate in quel momento, eravamo come ipnotizzati per via dell’atmosfera spirituale che aleggiava nell’aria.
Mi è sembrato di trovarmi in un’altra dimensione e sono stata completamente travolta dalle emozioni ispirate dal luogo.

TEMPIO GANGA TALAO GRAND BASSIN

Chamarel: Terre dei sette colori e cascate

La regione di Chamarel merita una visita in quanto presenta una delle principali curiosità naturali di Mauritius.
Mi riferisco alle terre dei sette colori di Chamarel che sono delle dune di sabbia di sette variazioni di colori, oscillanti tra ocra, marrone, rosso e violaceo. Questo fenomeno è dovuto alla presenza di ceneri vulcaniche contenenti minerali di diversi colori messi a nudo dall’erosione per secoli.
La particolarità di questo luogo è unica al mondo: i sette strati di terra che insieme costituiscono un paesaggio inconfondibile, se mescolati, dopo pochi giorni riappaiono inspiegabilmente separati.
Il sole all’alba e al tramonto crea giochi di luce e di colori davvero meravigliosi che contribuiscono a rendere lo scenario davvero incantevole.
A Chamerel è possibile ammirare anche le omonime cascate che con un salto di 95 m sono le più alte di Mauritius.
Nei pressi delle cascate si possono percorrere vari sentieri e alcune scalinate fino ad arrivare alla piattaforma panoramica che regala una vista meravigliosa e da cui si può ammirare l’acqua che si getta impetuosa nel laghetto sottostante.
È stata un’escursione in un luogo perfetto in mezzo a una vegetazione lussureggiante.

CHAMAREL TERRE DEI SETTE COLORI

CASCATE CHAMAREL

Snorkeling a Blue Bay Marine Park

Blue Bay è una riserva marina protetta ideale per gli amanti dello snorkeling e delle immersioni in quanto è presente la barriera corallina.
L’acqua è trasparente e si possono ammirare pesci e coralli anche senza scendere in acqua. Ovviamente l’esperienza diventa indimenticabile se si scende dalla barca e si inizia a nuotare in mezzo ai pesci.
Il Blue Bay Marine Park protegge un’eccezionale ricchezza di biodiversità marina: la laguna interna, le mangrovie, la vegetazione marina e le barriere coralline con oltre una cinquantina di specie di coralli e coloratissimi pesci tropicali.
Non avere una action cam subacquea è stato un vero peccato!

BLUE BAY MARINE PARK SNORKELING

Mercato di Flic en Flacq

Nei nostri viaggi non può mancare una visita ai mercati locali per immergersi completamente nella cultura del luogo.
A Mauritius abbiamo visitato la cittadina di Flacq e il suo mercato situato all’interno di una struttura in legno che regala un po’ di refrigerio dal sole cocente.
Qui è possibile passeggiare tra bancarelle di frutta, verdura, spezie e tessuti per acquistare souvenir a prezzi contenuti e assaggiare cibi tipici locali.
Si trovano moltissimi frutti esotici che hanno sapori completamente differenti da quelli importati in Italia.

MERCATO FLIC EN FLACQ

Mauritius è davvero un’isola splendida e sono certa che qui vivrete alcune delle più belle esperienze della vostra vita.

Condividi

Lascia un commento