Come organizzare un viaggio fai da te?

Organizzare un viaggio fai da te non è così difficile come può sembrare, richiede tempo e pianificazione questo è vero, ma il risparmio e la soddisfazione personale sono i motivi che mi spingono a scegliere questa tipologia di viaggio. Sarete voi a decidere cosa fare, come farlo e quando farlo senza avere vincoli di nessun tipo, tipici dei viaggi di gruppo o dei viaggi organizzati.

Perché scegliere il viaggio fai da te?

Uno dei motivi principali di questa scelta è indubbiamente il risparmio. Ogni volta che passiamo davanti a un’agenzia viaggi vediamo tante “offerte” che di offerta hanno ben poco. Ti attirano dentro con dei prezzi che sembrano convenienti per poi scoprire che il prezzo finito va maggiorato con tasse, quote d’iscrizione o spese pratica, che arrivano anche a 300€ a persona.

Potrebbe non sembrare chissà che cifra ma se viaggiate in famiglia comincia a diventare una spesa importante.

Ci sono poi mete che tramite agenzia sono inavvicinabili. Mi vengono in mente le Mauritius, il costo a persona per 7 giorni si aggira sui 3000€, questo perché ci sono quasi esclusivamente Resort super costosi. In realtà Mauritius è una di quelle che mete in cui si può tranquillamente viaggiare in fai da te senza vendersi un rene! Noi ci siamo stati a dicembre 2013 e anche i viaggi successivi in Indonesia e Thailandia li abbiamo organizzati completamente da soli.

Siamo consapevoli che scegliendo un viaggio fai da te non avremo assistenza di nessun tipo, ci assumiamo i rischi e mettiamo in conto che qualcosa potrebbe anche andare storto.

Il viaggio fai da te permette di personalizzare completamente l’esperienza, scegliere quali escursioni fare, quali monumenti visitare, quanto tempo dedicare ad ogni cosa, insomma siete voi a decidere tutto. Se avete ancora dubbi date un’occhiata all’articolo Tour Operator o Fai da te: come scegliere?

Sicuramente ci sono mete più semplici e facili da organizzare in fai da te rispetto ad altre ma il metodo è sempre lo stesso:

  • Scegliere la destinazione da visitare;
  • Recuperare le informazioni di base (visto, vaccini, moneta, documenti, leggi particolari);
  • Recuperare le informazioni più generiche sulla destinazione e sui mezzi di trasporto;
  • Scrivere un itinerario di massima dei luoghi da visitare, delle escursioni da fare, decidere quanto tempo dedicare ad ogni singola tappa e simularne la fattibilità;
  • Prenotare i voli;
  • Prenotare hotel, tour e spostamenti intermedi.

Prima di passare all’acquisto vero e proprio di biglietti aerei, di hotel ed eventuali mezzi di trasporto intermedi è bene simulare sempre la prenotazione dell’intero itinerario per capire se ci sono dei punti deboli.

Ad esempio in Indonesia, la tratta Bali-Isole Gili viene effettuata tramite barche veloci solo fino ad una certa ora della mattina (le 12:00 se ricordo bene). Se arrivate al porto di pomeriggio sarete costretti a passare una notte nei dintorni e sarebbe un vero peccato sprecare un giorno cosi!

Se avete in mente di prendere più aerei per effettuare dei voli interni valutate attentamente i tempi richiesti per gli spostamenti e cercate di stare sempre un po’ più larghi.

Vediamo dunque come procedere nella pratica supponendo di avere già completato i primi 4 punti.

Prenotazione voli

Negli ultimi anni sono nati un sacco di portali internet dedicati alla ricerca, comparazione e prenotazione dei voli. Noi li usiamo per farci un’idea veloce di quale compagnia sta offrendo quel particolare volo al prezzo più conveniente, dopodiché preferiamo effettuare l’acquisto direttamente sul sito della compagnia aerea.

Il più famoso è sicuramente Skyscanner ma noi ci troviamo bene anche con Google Flights.

Ci sono poi numerose compagnie Low Cost poco pubblicizzate, cercate di usare queste per i voli interni e il risparmio sarà garantito.

Attenzione perché non sempre il prezzo più basso rappresenta l’offerta migliore, state infatti sempre attenti al numero di scali da effettuare e alle ore di transito. Il vostro viaggio non deve diventare un incubo prima ancora di arrivare.

Un’altra cosa da prendere in considerazione è l’ora di arrivo a destinazione, potrebbe essere scomodo atterrare nel cuore della notte anche perché in genere la vostra camera sarà disponibile solo dopo pranzo.

Controllate bene il nome dell’aeroporto di partenza e arrivo in quanto ci sono città che hanno anche tre aeroporti, i nomi potrebbero essere simili e potrebbe essere facile confondersi.

Prestate attenzione anche al peso della valigia: nei viaggi intercontinentali il bagaglio da stiva può arrivare a pesare fino a 30Kg, ma in quelli locali il peso varia a seconda della compagnia aerea e per questo motivo vi consiglio di verificare sul relativo sito internet.

Prenotazione Hotel

Anche per gli hotel e gli alloggi su internet si trovano una miriade di portali per eseguire la prenotazione. In questo modo potrete scegliere con tutta calma gli alloggi ideali per il vostro viaggio e prenotandoli in anticipo potrete usufruire di sconti e offerte particolari.

Avendo già creato il vostro itinerario sarà molto semplice trovare un hotel che rispetti le vostre esigenze in fatto di comfort, ma la cosa più importante secondo me è la posizione: se girate con i mezzi pubblici sceglietene uno che abbia vicino fermate del bus o della metropolitana o che comunque si trovi in posizione centrale rispetto alle vostre visite. Se girate in auto potrebbe essere utile avere un hotel con parcheggio gratuito, in questo caso poco importa se è distante dal centro.

Non serve spendere centinaia di euro per un alloggio se poi starete in giro tutto il giorno! Se non usufruirete dei servizi dell’hotel è inutile pagare anche per quelli. Questo è uno dei segreti per risparmiare molti soldi con i viaggi fai da te.

Noi ad esempio in Indonesia abbiamo soggiornato in una Guest House nel centro di Ubud, abbiamo pagato solo 80€ per 5 notti con colazione compresa (80€ totali non a notte!). Una stanza ampia e un bagno con doccia erano tutto quello che ci serviva.

Abbiamo fatto questa scelta perché a Ubud avevamo programmato un sacco di escursioni e con i soldi risparmiati abbiamo preso un hotel più grazioso per i giorni trascorsi al mare.

I siti più noti per trovare alloggi sono:

Booking

Agoda

Tripadvisor

AirBnb

Prenotazione Tour e spostamenti intermedi

A questo punto non vi resta che effettuare le prenotazioni di eventuali tour guidati, di biglietti per visitare attrazioni e più in generale per tutto ciò che richiede una visita programmata.

Ad esempio, per il nostro viaggio in Indonesia abbiamo prenotato dall’Italia un auto con driver per tre giorni in modo tale da poter fare tutte le escursioni che avevamo in mente. Sempre lo stesso driver ci ha poi fornito i biglietti per il trasferimento di andata e ritorno verso le isole Gili.

Valutate di volta in volta quali sono le cose che dovete assolutamente acquistare prima e quali invece è possibile acquistare in loco.

A Barcellona ad esempio è stato essenziale acquistare online i biglietti per la visita alla Sagrada Familia e al Parc Guell, abbiamo così potuto scegliere l’orario migliore per visitarli e saltare la fila per l’acquisto dei biglietti.

Per quanto riguarda gli spostamenti interni dipende dalla meta che avete deciso di visitare: se siete in una metropoli molto probabilmente avrete a disposizione metro, bus e tram molto efficienti. Sarà un gioco da ragazzi spostarsi!

Se invece siete in un paese non proprio urbanizzato, dove magari le strade sono tenute male e i mezzi non sono cosi efficienti, cercate di tenervi larghi con gli orari degli spostamenti.

Stesso discorso vale se per raggiungere la vostra ulteriore tappa è necessario cambiare più mezzi: occhio alle coincidenze perché l’aereo potrebbe fare ritardo, se usate le barche veloci e il mare è mosso per completare il tragitto ci vorrà più tempo del previsto e così via. Se vi dicono che per raggiungere un luogo ci vogliono due ore, voi mettetene in conto almeno tre.

Partenza

È arrivato il fatidico giorno della partenza, prima di uscire di casa verificate di avere con voi tutto l’occorrente:

  • Passaporto o carta d’identità in corso di validità e copia cartacea degli stessi;
  • Eventuali visti di ingresso (fate sempre una copia di sicurezza);
  • Copia dei biglietti elettronici;
  • Copia delle prenotazione di hotel con indirizzi e numeri di telefono;
  • Copia del contratto di assicurazione sanitaria stipulata (evidenziate il numero di telefono da chiamare in caso di necessità);
  • Copia di prenotazioni di biglietti e tour.

Noi abbiamo l’abitudine di tenere anche una copia digitale di ogni documento sul nostro smartphone, così se perdiamo la copia cartacea possiamo sempre stamparne un’altra.

Ricordate che eventuali batterie per apparecchi elettronici (fotocamere, computer) vanno messe nel bagaglio a mano e non in quello da stiva.

Ora non vi resta che partire. Il viaggio fai da te è di per sè un’avventura, gli imprevisti possono capitare ma il segreto è lo spirito con cui affronterete il viaggio. La voglia di esplorare, scoprire e confrontarsi con altre culture è qualcosa che non si può comprare.

Se avete letto questo articolo siete già partiti col piede giusto.

Il viaggio è l’unica cosa che compri e che ti rende più ricco.

Potrebbero interessarti anche:

Condividi

Lascia un commento