Ospiti del Borgo a Lorenzana – Albergo diffuso

Immaginate di trascorrere le vostre giornate scandite da un ritmo lento, a contatto con la natura, immersi nella storia di un piccolo Borgo e circondati da colline verdeggianti.

Sembra quasi una favola vero?

Vi svelo dove andare per vivere tutto ciò e lasciarsi alle spalle lo stress della routine, soprattutto se abitate in una grande città come Milano.

Questo weekend abbiamo partecipato al progetto Ospiti del Borgo a Lorenzana, un piccolo borgo toscano in provincia di Pisa. Si tratta di un progetto di albergo diffuso mirato a valorizzare il Borgo in collaborazione tra il Comune di Crespina Lorenzana, la Regione Toscana e la Cooperativa Arnera.

Essendo Lorenzana un piccolo paesino, non ha abbastanza spazio per ospitare grandi hotel e per questo si è pensato di mettere a disposizione dei turisti alcune case che altrimenti rimarrebbero disabitate. Ed ecco che il progetto di albergo diffuso prende forma: le case dislocate sono le stanze dell’hotel, le viuzze del borgo fungono da corridoi e la Trattoria Caffè dei Vecchi Sapori è la reception.

chiesa del borgo di lorenzana

Lorenzana

Lorenzana è una frazione del comune di Crespina Lorenzana, nella provincia di Pisa, in Toscana.

A metà strada tra il presente e il passato, Lorenzana è un paese immerso nella campagna e ricco di tradizioni che fanno fare un salto indietro nel tempo.

tramonto lorenzana

L’attività principale del territorio è tutt’oggi l’agricoltura che si concentra sulla produzione di cereali, olive e uva da vino.

Questo piccolo borgo, grazie alla sua posizione strategica, offre tutto quello che ci si aspetta di trovare durante una vacanza: paesaggi, cultura, mare e buona cucina.

È la meta ideale per escursioni culturali nelle non troppo distanti città d’arte toscane come Pisa, Lucca, Firenze, Siena e Volterra. Se siete tipi da spiaggia potrete concedervi pomeriggi al mare di Viareggio, Forte dei Marmi, Livorno, Castiglioncello e Cecina.

Cosa offre Lorenzana

A Lorenzana si può passeggiare tra le viuzze del Borgo, respirando il profumo di un paese che è rimasto ancorato alle proprie tradizioni e scorgendo angolini ben curati e arricchiti da fiori e piante.

Lorenzana angoli carini

La cosa più affascinante è senza dubbio il panorama che si ammira: il verde delle colline pisane contrasta con l’azzurro del cielo, infondendo un senso di tranquillità a chiunque lo ammira.

colline pisane lorenzana

A Lorenzana potrete anche visitare le cantine locali e degustare dell’ottima cucina tipica.

La vita qui scorre lentamente, le persone sono cordiali e sorridenti.

Al nostro arrivo siamo stati accolti da Enrico, che davanti ad un bicchiere di prosecco ci ha raccontato degli aneddoti su Lorenzana e ci ha consegnato le chiavi di casa.

Le case del borgo

L’albergo diffuso Ospiti del Borgo offre 12 posti letto dislocati in 4 appartamenti poco distanti dalla reception la Trattoria Caffè dei Vecchi Sapori, che mette a disposizione dei suoi ospiti la colazione (inclusa nel soggiorno) e il Wi-Fi gratuito.

In ciascun appartamento sono presenti il soggiorno, il bagno privato e l’angolo cottura che noi non abbiamo praticamente mai usato in quanto abbiamo preferito assaporare i piatti della tradizione.

Ciascun appartamento offre un posto auto in uno dei parcheggi pubblici adiacenti e se avete bisogno di qualcosa riceverete assistenza h24.

Gli appartamenti disponibili sono: Casa del Giusti, Casa di Fausta, Casa di Rita e Casa di Nives.

Alcuni sono più adatti a famiglie con bambini, altri come casa Fausta a coppie come noi.

Casa di Fausta si trova in un piccolo condominio ristrutturato che conserva ancora qualche grigio scalino originale. Entrando abbiamo trovato un locale accogliente, curato nei dettagli e con le pareti impregnate di ricordi legati alla regione Toscana.

Il letto matrimoniale si trova sul soppalco al quale si accede tramite una scala ed è per questo che la casa è più adatta a giovani coppie.

In soggiorno è presente un divano letto per un eventuale terzo ospite. Il bagno è piccolo ma rinnovato, con doccia. Ogni giorno è garantita la pulizia della camera e del bagno, mentre il cambio biancheria viene effettuato ogni tre giorni.

L’appartamento prende il nome dalla legittima proprietaria veronese Fausta, che lo acquistò nel 1986 per venire a trascorrere qui le vacanze insieme al compagno Michele, livornese. L’appartamento era completamente da ristrutturare, cosa che è stata fatta nel corso degli anni, oggi è un un nido accogliente e molto grazioso. I quadri di pittori livornesi, l’attaccapanni e la piattaia fatti da Michele, l’arredamento con mobili da recupero così come piaceva a Fausta, le tende dipinte a mano dalla cugina, raccontano con passione la storia di questa casa e l’animo umile dei proprietari.

Dove mangiare

A Lorenzana non mancano i posti in cui assaggiare la cucina tipica toscana.

Durante la nostra permanenza abbiamo cenato alla Trattoria Caffè dei Vecchi Sapori, l’ingresso della trattoria è il bar che affaccia sulla piazza. Scendendo le scale ci ritroviamo in una saletta dallo stile caratteristico come il paese e all’esterno è presente una terrazza con vista sulle colline pisane. I proprietari sono molto accoglienti e ospitali. Il cibo è ottimo con un menù vario e particolare, con piatti dai “vecchi sapori”.

trattoria antichi sapori

Sabato a pranzo invece abbiamo optato per uno spuntino veloce al Caseificio Busti, a pochi km da Lorenzana. Entrando la nostra attenzione è stata catturata dai prodotti disposti sul bancone, dai formaggi ai salumi. All’interno è presente anche un banchetto con prodotti da assaggiare al momento mentre si attende il proprio turno. Abbiamo preso un panino con prosciutto crudo, salsa verde e melanzane grigliate che abbiamo mangiato seduti a uno dei tavolini posti all’esterno.

caseificio busti lorenzana

Cosa fare nei dintorni

Come già anticipato, Lorenzana è in buona posizione per organizzare numerose attività ed escursioni.

Sabato mattina abbiamo visitato l’Oasi LIPU di Santaluce, un luogo importante per la tutela degli Uccelli e della Biodiversità. Qui abbiamo percorso il Sentiero Natura alla scoperta della riserva, fino al capanno di avvistamento.

Non poteva mancare anche una visita alla città di Pisa e alla sua Piazza dei Miracoli, soprattutto perché sabato 16 giugno si è svolta come ogni anno la Luminara, una festa organizzata in occasione del patrono San Ranieri.

Per l’occasione le case, i ponti, le torri e gli edifici lungo l’Arno vengono addobbati con dei lumini, al calare della sera la città si illumina, lo spettacolo è favoloso.

Domenica mattina ci siamo concessi mezza giornata di relax al Lido di Camaiore, per fare mare e prendere il sole.

Il weekend è stato breve ma intenso: un mix tra cultura locale, gite naturalistiche e buon cibo. La Toscana è una regione che ha tanto da offrire, quindi se ne avete l’occasione andate a visitarla!

Condividi

Lascia un commento