Vacanza a Corfù

Vacanza a Corfù – Grecia

23 Settembre 2015Giada

Vi racconto com’è andata la nostra vacanza a Corfù a settembre del 2015.

Corfù, chiamata Kerkyra dai greci, è un’isola al largo della costa nord-occidentale della Grecia ed è la seconda isola più grande dell’arcipelago delle Ionie che si contraddistingue per le montagne frastagliate e le località balneari lungo la costa.

Secondo la mitologia classica il suo nome si deve alla ninfa Corfù, amata da Zeus. Dalla loro unione nacque Phaiakas, motivo per cui Corfù è nota anche come l’isola dei Faiakes, ossia dei Feaci. Omero, nella sua Odissea, racconta che, sempre a Corfù, Ulisse si innamorò di Nausicaa, che si prese cura di lui nel suo palazzo e che gli diede la nave per tornare ad Itaca.

Messonghi Beach di Moraitika

Abbiamo acquistato un’ottima offerta tra i pacchetti Vacanza Easyjet, ovvero volo A/R Milano – Corfù più 12 notti All Inclusive presso il Messonghi Beach Resort di Moraitika spendendo meno di 700€ a testa.

Sapevamo che la spiaggia e il mare dell’hotel non sarebbero stati chissà quale paradiso, ma noi avevamo in mente di girare tutta l’isola per cui ci servivano solo una posizione strategica e un minimo di comfort.

Il resort è enorme: ha almeno quattro piscine, scivoli, spiaggia privata ed è immerso in un giardino di palme che è costantemente curato dallo staff.
C’è un grande edificio centrale più altre costruzioni, casette e bungalow tutt’intorno.

La nostra camera era al primo piano, non era enorme ma aveva tutto il necessario. In più disponeva di un balcone con vista giardino dal quale a dire il vero si vedeva anche il mare!
Colazioni, pranzi e cene si svolgevano presso il ristorante situato nell’edificio principale. A noi nel complesso il cibo è piaciuto, il ristorante è a buffet e la cucina è molto varia. Se fate escursioni giornaliere basta avvisare il ristorante il giorno prima così vi preparano un pranzo al sacco. Insomma, il resort si è rivelato molto meglio di quello che ci immaginavamo.

Ma veniamo a Corfù: Moraitika è la nostra posizione strategica. Non saprei se chiamarlo paese perché è piuttosto piccolo, tutto si concentra in due o tre vie di negozi, bar, ristoranti, tour operator e agenzie di noleggio di mezzi di trasporto.
Noi abbiamo noleggiato uno scooter di cilindrata 80cc a 60€ per una settimana in modo da poter esplorare l’isola in totale libertà.

Come spostarsi a Corfù

Per muoversi a Corfù si può utilizzare la macchina, il motorino o il quad. Inizialmente avevamo noleggiato il quad, ma ben presto lo abbiamo restituito per noleggiare il motorino. Per Christian che ha sempre guidato il motorino il quad si è rivelato scomodo, inoltre va abbastanza piano e fa fatica ad affrontare le salite. La macchina non l’abbiamo nemmeno presa in considerazione, è più costosa ed è sicuramente più impegnativo trovare parcheggio. Il motorino invece si è rivelato fin da subito pratico ed economico.

Grazie al motorino abbiamo avuto la possibilità di girare in lungo e in largo l’isola, ogni giorno cercavamo una spiaggia o una località diversa da visitare.
Se poi non andavamo troppo lontano, solitamente tornavamo al resort per il pranzo e il pomeriggio si ripartiva per una nuova destinazione.

Le spiagge di Corfù

Abbiamo visto veramente un sacco di cose: siamo stati a Nord sia al Canal d’Amour di Sidari che a Kassiopi e al Sud verso Lefkimi e Kavos.

Sidari, nella parte settentrionale, offre diverse spiagge in un’area molto ben attrezzata a livello turistico.
L’attrazione principale è il Canale dell’Amore, un vero e proprio capolavoro modellato nel corso degli anni dal mare e dall’azione erosiva del vento. Il Canale è costituito da formazioni rocciose che si protendono in mare, creando alcune piccole baie raggiungibili con sentieri e scalini e una sorta di canale dalle acque cristalline. Secondo la leggenda locale, le coppie che nuotano all’interno del canale sono destinate a sposarsi al più presto.

La lunga spiaggia meridionale di Kavos, invece, è sabbiosa e attrezzata turisticamente. Ci sono snack bar proprio sulla spiaggia e water-sport per divertirsi in acqua. Kavos è il posto giusto se avete voglia di divertirvi, non mancano le discoteche e i pub su due piani dove trascorrere la serata ascoltando musica.

Siamo stati anche alle spiagge di Agios Gordios, Glyfada e Paleokastritsa, tutte molto diverse tra loro. È stato favoloso girare Corfù con il motorino, soprattutto quando ci si deve inerpicare su per la montagna si vedono dei paesaggi mozzafiato.

Corfù Town

Non sono mancate le visite nel pittoresco centro antico di Corfù Town, la capitale dell’omonima isola greca, caratterizzato da eleganti palazzi in stile veneziano, piazzette, vicoli, monasteri bianchi e fortezze bizantine a picco sul mare.

La città vecchia è delimitata dalle sue due antiche fortezze che con le storiche mura la circondano completamente. Il quartiere della città vecchia più affascinante e antico è Campiello. Qui vi troverete a passeggiare in strettissimi vicoli delimitati da alti edifici e ad acquistare prodotti locali in vecchie cantine, attratti dal suggestivo fascino di un pozzo veneziano, scalinate di pietra, piazzette e cortili nascosti.

In via Filellinon, tra Campiello e il quartiere Spilia, si trova l’edificio numero 18 che è il più antico della città, datato 1497. Di particolare si dice che il balcone sia uguale a quello di Giulietta e Romeo.

Escursioni da Corfù

Abbiamo fatto l’escursione a Paxos e Antipaxos, acquistata da un tour operator locale per circa 25€ a persona. L’escursione in sé è carina, i luoghi visitati meritano ma il tragitto è davvero lungo, ci vogliono circa 3 ore di barca per arrivare. Paxos e Antipaxos sono due isole abbastanza grandi con più di duemila abitanti.
Sono situate a sud dell’isola di Corfù e si possono raggiungere sia con aliscafi giornalieri che con traghetti che partono dal capoluogo e da Lefkimmi e arrivano a Gaios.

Si parte la mattina alla volta di Antipaxos e delle sue enormi grotte, si può  fare il bagno nelle spiagge di Vutuni o Vrika in un mare limpidissimo e poi si riparte alla volta di Paxos, dove l’imbarcazione attraccherà presso il porticciolo di Gaios, il capoluogo dell’isola.

Il paesino è veramente caratteristico per via delle sue casette colorate, qui si può passeggiare per la stradine ciottolate, gustando un buon pasto tipico in uno dei molteplici ristorantini all’aperto, comprando souvenir meno turistici e concedendovi l’ultimo bagno nella spiaggetta prima di rientrare a Corfù.

Corfù è la meta ideale per una vacanza se siete alla ricerca di belle spiagge, mare cristallino natura incontaminata e storia. Le persone cortesi e l’ottimo cibo contribuiranno a regalrvi un’esperienza meravigliosa su questa isola.

Vi lascio ai video!

Leave a comment

Next Post

Bali Goa Gajah

Bali, l'isola degli dei

1 Agosto 2016